IoOdioIlLunedì

Certi giorni partono male e finiscono peggio. Il lunedì ha la prerogativa di avere questa, pessima, caratteristica. Il letto tipiedo stamattina non l’avrei mai voluto abbandonare, ma ahimè la sveglia ha suonato e mi sono dovuta mettere subito all’opera. In 31 anni non sono riuscita ancora a combattere questa “malasorte” sul lunedì. Nessun rito che abbia funzionato ( se avete consigli..). Così, per consolarmi, mi ripeto come un mantra che domani andrà meglio e che, per cacciare i pensieri negativi, basterà un bagno caldo stasera e un impacco per i capelli…poveraillusa! keep-calm-and-go-on-it-s-monday

Rubrichiamo con i mirtilli !

Oggi, così, presa dall’entusiasmo tipico del venerdì, ho deciso di inserire in questo blog una sorta di rubrica.

Lungi da me dare consigli medici, alimentari o dietetici. Per quello, per fortuna, ci sono fior fiori di specialisti.

E’ vero però che, a volte, i consigli estrapolati sul web possono essere utili e utilizzabili. Con questo post inauguro un angolo dei consigli, dal nome ancora in fase di studio, in cui riporterò informazioni riguardanti, per il momento, gli alimenti che più mi piacciono e consumo. Se qualcuno avesse idee per il titolo della rubrica, i consigli son sempre ben accetti!

Bando alle chiacchere e partiamo subito con una descrizione di un frutto che amo e utilizzo spesso, sopratutto nei frullati:

I MIRTILLI

Caratteristiche:

son una bona fonte di vitamina C, vitamina K, manganese e fibre. Il loro segreto sta nel colore blu/viola dato da particolari molecole dette antocianine: grazie a queste sono tra i frutti a pi^u alto ORAC, la misura che indica il potere antiossidante di ciascun alimento.

Contengono particolari sostanze dette stilbeni che possono ridurre il colesterolo e l’incidenza delle patologie vascolari. Rallentano la formazione delle rughe, rafforzano le pareti dei vasi sanguigni: i mirtilli sono indicati in caso di fragilità capillare, couperose e problemi alla vista.

mirtilli

Ricetta – Torta leggera ai mirtilli (da gustissimo.it, con qualche piccola variante)

Ingredienti:

200 gr di mirtilli neri, 3 uova, 110 gr di fruttosio (io preferisco lo zucchero di canna), 100 gr di yogurt magro, 1 bustina di lievito per dolci, 300 gr di farina 00, 100 ml di latte di riso, 1 pizzico di sale

Preparazione:
Rompete le uova e dividete i tuorli dagli albumi. Lavorate i primi in una ciotola con il fruttosio, aiutandovi con una frusta da cucina, dopodiché aggiungete lo yogurt, il sale, il lievito e la farina setacciata. Versate a filo il latte e mescolate molto bene, così che tutti gli ingredienti possano amalgamarsi.

Montate a neve gli albumi in una terrina a parte e incorporateli all’impasto, insieme ai mirtilli (che avrete precedentemente lavato sotto l’acqua corrente). Mescolate delicatamente dal basso verso l’alto.

Trasferite l’impasto in uno stampo per ciambella infarinato e infornate in forno preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti. A questo punto sfornate la ciambella, fatela raffreddare a temperatura ambiente e servitela in tavola.

Accorgimenti:

Non smettete di mescolare quando versate il latte, in modo che si amalgami bene e non si formino i grumi. Infarinate lo stampo con la farina integrale, così che l’impasto non rischi di attaccarsi durante la cottura in forno.

Chiacchere sparse e contenuti inesistenti…

Oggi giornata pasticcio a go-go. La stranezza? Ho affrontato questo giovedì con una sorta di leggerezza. Nessuna paturnia, quantomeno non legata al cibo (beh, non è il caso di “chiederti” troppo Michi).
Sarà che mi giustifico a causa di questo mal di schiena lancinante, 32 anni che valgono doppio.
Oggi per distrarmi un po’ sbirciavo su Youtube e sui vari canali che seguo più o meno regolarmente. Leggendo commenti ai vari video così come contenuti o pseudo tali di alcune “youtuberguru/guruyoutuber/gurudiqualcosaveditu” mi sono resa conto che anche lì, anche nella virtualità più assoluta, c’è una cosa che poco sopporto…il vittimismo.
Non ho mai apprezzato le persone che, ancor prima di conoscerti, iniziano a elencare le loro disgrazie. Un po’ come dire “ehi guarda io ti avviso, qualsiasi mio atto negativo è giustificato da una vita disgraziata”. Ma non basta. C’è anche il vittimismo accompagnato da quell’invidia intrinseca che traspare evidentemente dagli occhi..quella saccenza mista a perbenismo…caratteristiche che alla sottoscritta creano una forte orticaria ! Perché colpevolizzare gli altri di una tua palese incompetenza? Se i tuoi like non aumentano, darling, lavora sul contenuto… nonsopportochicolpevolizzaglialtridelleproprielacune…

E con questo sproloquiare faccio un gran respiro e affronto la notte, domani DEVE essere una giornata diversa.

Poche righe grigiastre….

Rientrata da quattro giorni milanesi, con l’umore sotto i piedi (e dire sotto i piedi è riduttivo).
Ho mangiato in modo pessimo, a tratti addirittura disgustosto, ma non ho miracolosamente preso peso, anzi ho perso 1 kg. Io che davanti alla perdita di peso, normalmente, mi ricarico di energie positive, ma questa volta il mio umore è proprio precipitato.
Anche a rileggere queste poche righe mi do fastidio da sola…reagiasci Michi, diventa spietata!
Eppure ricado sempre negli stessi errori, nello stesso grigiasto vittimismo.

E se piace anche a Michelle Obama….

Oggi attesa interminabile alla stazione ferroviaria. Tra appunti di statistica e  “scrutamento soggetti vari” tra un binario e l’altro ho sfogliato uno pseudo giornaletto gossipparo. In cosa mi imbatto? In una ricetta!

Trattasi di…zuppa avocado&cetriolo.

È stata ideata dallo chef di Michelle Obama (ecco spiegato il titolo banalotto scelto stasera). Sarà che io sono una fan sfegatata dell’avocado e quindi, appena leggo il suo nome nelle ricette, vado in brodo di giuggiole.

Ecco a voi la zuppa preferita dalla mia omonima ;):

Versate in un frullatore 4 cetrioli tagliati grossolanamente, 1 avocado, 1 limone (senza buccia ovviamente), sale e pepe.

Dopo aver frullato il tutto, a parte, tagliate un altro cetiolo e mescolatelo con un mazzetto di menta tritata finemente, sale e pepe. Unite 3 cucchiai di yogurt bianco al composto frullato in precedenza, mescolate e impiattate nelle ciotoline.

Per guarnire utilizzare “l’intruglio”  di cetiolo e menta.

Certo, ricetta piuttosto estiva…ma per me non esiste stagione, avocado forever!

Michi

avocadosoup

Lunedì 15 settembre 2014, la grande sfida!

Ho ricevuto, in regalo, una confezione di Formula 1, gusto vaniglia, della famosa e tanto discussa Herbalife.
Non ho molta esperienza con i pasti sostitutivi, ho sempre cercato di perdere peso andando da una nutrizionista (cercando di abbattere la mia ben radicata pigrizia mi sono iscritta innumerevoli volte in palestra).
Sto utilizzando questa polvere proteica a colazione, frullandola con frutta e latte di riso. Il sapore è piacevole, arrivo a pranzo senza un grande appetito.
Ho deciso di utilizzarla solo a colazione, anche se secondo i loro consigli, per perdere peso, bisognerebbe sostituire con uno shake anche la cena. Voi avete già tentato la strada “Herbalife”? Come vi siete trovate?
È incredibile come i pareri, sul web, siano tanto discordanti.

È davvero difficile farsi un’idea leggendo le opinioni altrui. Io, per il momento, provo a sostituire la colazione…non mancheranno aggiornamenti!

nutrizione e salute

Un percorso nuovo…

E con questo lunedì inizia una nuova vita!

Dopo mille cadute/ricadute, notti insonni e tristezza perenne ho deciso di chiudere gli ultimi anni in un cassetto e ricominciare. Come?

Ho ancora le idee confuse, ma sono certa di poter far molto. Eviterò la lista che di norma si redige a dicembre con “i buoni propositi del nuovo anno”.  Voglio fare, solo questo. Sarà il mio angolo “riequilibria le idee e i pensieri”, il mi diario alimentare, i miei progressi o insuccessi nell’allenamento.

Maniche rimboccate..ora tocca a me!

Michi

il cambiamento è nelle nostre mani!